Finalmente puoi esplorare Perugia in 3D con Google Earth

E' arrivato l'aggiornamento delle immagini in 3D per il territorio di Perugia su Google Earth, popolare servizio basato sulle immagini satellitari del nostro pianeta.

Il servizio in 3D consente di sorvolare virtualmente il territorio in uno scenario molto simile a quello che si potrebbe avere con un sorvolo a bassa quota, ed era da tempo disponibile per molte città al mondo. Ora si è aggiunta anche la possibilità di esplorare le immagini di Perugia dall'alto e da diverse angolazioni, con una mappatura in 3D.

Di seguito alcune immagini selezionate del nostro territorio, ricavate dall'ultimo aggiornamento di Google Earth.


Piazza IV Novembre


Piazza Nuova, Fontivegge


Piazza Partigiani
Complesso di San Domenico
Rione Nord del centro storico: Sant'Angelo
Stadio Renato Curi



Aeroporto Internazionale San Francesco d'Assisi

Puoi esplorare le immagini del territorio di Perugia in 3D direttamente su Google Maps attraverso il plugin Google Earth.
Leggi tutto...»

"Tuqui", il Jazz in perugino che non ti aspetti


Questa è la breve storia di una divertente canzone jazz in perugino. Heidi Li, cantautrice nata a Hong Kong vive da 4 anni in Italia e ormai risiede a Perugia. Rimasta scottata da un'esperienza di amore non corrisposto, trova l'ispirazione e scrive una canzone d'amore drammatica, "Sto qui" che arrangia in musica con l'accompagnamento jazz del romantico sax e il pianoforte. Ne parla con la sua amica Emy Steri, perugina e cantante a sua volta, e decidono di parodiare la canzone, rendendola in perugino. Di lì la produzione di un video musicale, con tanto di sottotitoli in italiano o in inglese per non perugini, a dir poco esilarante con ambientazioni un pò in tutta la città e il centro storico, che vi proponiamo di seguito da Youtube.

L'innamorato che non corrisponde diventa Teddy "il bucciotto", lei si sente "fraida", lei che viene da lontano e parla tante lingue... compreso il perugino. Brava Heidi, ma come ha fatto a non corrisponderti? Almeno ti ha dato l'ispirazione per ragalarci questa perla in perugino.



Questo è il sito di Heidi Li e qui trovate il backstage del video di "Tuqui".
Leggi tutto...»

Perugia nei film, video e curiosità




In questi giorni gira in rete un video caricato su Youtube contenente gli spezzoni di film girati a Perugia, come Fumo di Londra (1966), con Alberto Sordi, o I corpi presentano tracce di violenza carnale (1973), con Luc Merenda, antesignano del sottogenere horror "Slasher", poi reso celebre dal serial cult Venerdì 13.

Una Perugia romantica immortalata nei luoghi più belli del centro, quando ancora non esisteva la ZTL e le auto circolavano liberamente anche in piazza IV Novembre.

Di seguito il breve video di circa 3 minuti, realizzato da Angelo Mencaroni, intitolato "Perugia in Pellicola".


Forse il più importante film girato a Perugia non è però presente nel video. Si tratta di Profondo Rosso di Dario Argento (1975) nel quale un'importante scena, quella del funerale della medium Helga, è stata girata nella sezione ebraica del Cimitero Civico Monumentale, in via Enrico dal Pozzo.

In tempi più recenti, da segnalare la commedia Lezioni di cioccolato con Luca Argentero, ambientata nella scuola di cioccolato della Perugina, un fortunato film che ha avuto anche un seguito nel 2011, Lezioni di cioccolato 2.

Su Wikipedia potete trovare l'elenco dei film ambientati a Perugia.
Leggi tutto...»

Enoturismo: tour delle cantine intorno Perugia


Montefalco ed il suo Sagrantino rappresentano nell'immaginario collettivo il vino umbro nel mondo. A fargli da (talvolta grande) spalla uno dei vini bianchi di maggior tradizione in Italia, l'Orvieto. Due territori bellissimi, ricchi di fascino e di suggestioni. Il primo, non lontano da Foligno, è raggiungibile da Perugia in meno di un'ora; il secondo, in provincia di Terni, in circa un'ora e mezza. Se però vi capitasse di essere in città e di voler fare una veloce scappata in cantina senza perdere tutta la giornata non avete che l'imbarazzo della scelta, le colline che circondano Perugia ospitano infatti produttori di grande tradizione ed esperienza, da non mancare. Eccone alcuni.

Cantine Giorgio Lungarotti
Viale Giorgio Lungarotti 2, Torgiano (PG)
Tel. 075988661

Torgiano è denominazione che non ha bisogno di presentazioni. È qui che nascono alcuni dei più grandi vini della regione, è qui che il sangiovese riesce ad esprimersi magnificamente grazie ad una vigna ormai mitica, quella Monticchio che è stata la bandiera dell'Umbria nel mondo per decenni. Ma non solo, Lungarotti è tappa obbligata per ogni appassionato, si tratta infatti di cantina capace di esprimere una qualità media impressionante, tanto nei bianchi quanto nei rossi.

Cantina La Spina
Via Emilio Alessandrini 1, Spina (Pg)
Tel. 0758738120

Moreno Peccia in meno di un decennio è riuscito ad affermarsi come uno dei più solidi (piccoli) produttori della regione. Questo grazie ad una mano sicura, capace di esprimere vini tanto personali quanto eleganti, tutti caratterizzati da uno strepitoso rapporto tra qualità e prezzo. I miei preferiti? L'Eburneo, il suo bianco, ed il Rosso Spina, uno di quei vini da cui è impossibile separarsi.

Cantina Goretti
Strada del Pino 4, Pila (Pg)
Tel. 075607316

Storica cantina del perugino, Goretti vale la visita anche per la bellissima sede, un castello che domina il piccolo borgo di Pila. Dal sangiovese al sagrantino, dal merlot al grechetto, i vini sono tutti caratterizzati da uno stile moderno e da un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Cantina Carini
Strada del Tegolaro, Canneto (Pg)
Tel. 0756059495

Poco a nord della città, lungo una delle più belle strade della regione, ecco fare capolino Carini. Un'azienda capace di produrre vini di grande eleganza prevalentemente da vitigni internazionali. Ecco quindi il Tegolaro, un blend di merlot e di cabernet sauvignon, che ben rappresenta le grandi potenzialità della zona. O l'Oscano, un blend di sangiovese e gamay, che ogni anno, vendemmia dopo vendemmia, entra di diritto tra i vini rossi più gustosi della regione.

Se è vero che alcune di queste cantine sono abituate a ricevere numerosi ospiti in ogni periodo dell'anno è anche vero che è sempre meglio telefonare per avvisare del proprio arrivo e per concordare una breve degustazione. Buon divertimento.

Jacopo Cossater 

Immagine in alto: panorama sulle vigne del Sagrantino. Foto cc by Umbria Lovers
Leggi tutto...»

Aperitivi all'aperto a Perugia: dove andare?


Sarà la bella stagione, sarà il clima che l'estate porta con sé e che riempie di euforia la città ma in questo periodo mi è proprio impossibile pensare di prendere un drink in un locale al chiuso, tanto all'aperitivo quanto dopo cena. Ecco quindi una bella carrellata di bar che offrono una situazione particolarmente estiva, per non parlare di alcuni dei loro panorami.

- Punto di Vista (Viale Indipendenza, 2)

Da sempre uno dei locali di riferimento dell'estate perugina, è al Punto di Vista che si può contare su uno dei migliori bar della città. Cocktail puntuali, sempre impeccabili per realizzazione e presentazione accompagnati da forse il più bel panorama, quella su Assisi e la valle che sfuma verso Foligno, che Perugia può offrire. A fare da contorno una programmazione artistica che spazia dall'elettronica al jazz, situazioni sempre perfette per il dopocena più vivace della città.

Aperitivo a "la Terrazza"
- La Terrazza (Piazza Giacomo Matteotti)

Proprio sul tetto del Mercato Coperto, la Terrazza offre una vista meravigliosa (simile, per posizione, a quella del non lontano Punto di Vista). Un locale perfetto per una proposta molto easy tanto prima quanto dopo cena, magari seduti sui divanetti con una birra in mano ascoltando i deejay che durante la settimana si alternano in console.

- Vivace (Corso Vannucci, 44-50)

Fino a pochissimo tempo fa era impossibile pensare di prendere qualcosa da bere (di davvero buono) comodamente seduti lungo Corso Vannucci, situazione che è drasticamente cambiata con l'apertura di Vivace, il bar dello storico negozio di Andrei. Parola d'ordine: bollicine. Dai migliori Prosecco agli Champagne più intriganti, il tutto accompagnato dal menù pensato da Marco Bistarelli, famoso chef de Il Postale.

- Ansidei Beer Shop (Piazzetta Ansidei, 5)

Pochi tavoli all'aperto nella suggestiva Piazza Ansidei per una delle birrerie di riferimento della città. Ottima scelta di bottiglie anche artigianali, fra le migliori di Perugia, sempre accompagnate da stuzzichini mai scontati. Una sicurezza.

- L'Usignolo (Via delle Prome, zona Porta Sole)

Vera e propria novità dell'estate è bar che ha aperto solo da pochi giorni e che è già tappa obbligata per un aperitivo al tramonto. Un panorama bellissimo che guarda verso la parte a nord della città e soprattutto la possibilità di godere di un giardino unico, un vero e proprio parco aperto alla città per l'occasione. Ottimi drink, tappa obbligata.

- Giardino Rosso Vino (Corso Garibaldi, 21)

Cambia il nome ma la location rimane meravigliosa per quel clima un po' bohémien che la caratterizza. Si tratta di un altro giardino nascosto tra le suggestive strade medioevali del Borgo intorno a Corso Garibaldi. Cosa bere? Il nome non è casuale. Perfetto per il dopo cena, anche fino a tardi.

- La Bottega di Perugia (Piazza Morlacchi, 4)

Un bicchiere di vino (meglio specificare: nel bicchiere di plastica) ed una birra (per fortuna anche in bottiglia) da consumare nella vivace Piazza Morlacchi, proprio accanto all'omonimo Caffè e non lontano dalla Facoltà di Lettere. Ad accompagnare vini e birre una bella selezione di panini e di taglieri di salumi e di formaggi per uno dei locali più piccoli ed informali della città. Impossibile infatti sedersi, quello che si prende lo si consuma, rigorosamente in piedi, in Piazza.

Jacopo Cossater
Leggi tutto...»