Cinema: Changeling di Clint Eastwood

La rubrica cinematografica questa volta riporta la recensione di Changeling di Clint Eastwood, con Angelina Jolie e John Malkovich. Il fim è in programma al Cinema Turreno, al Centro Borgonovo di Perugia ed ai Warner Village Cinema di Corciano. Ricordiamo che il mercoledì e il giovedì al Cinema Teatro Turreno si può andare al cinema con appena 2,50 € !
Recensione di Changeling di Clint EastwoodL'ultimo film di Eastwood forma una voragine, un'abisso morale senza via d'uscita. All'ultima edizione del Festival di Cannes si sono levate voci su una presunta “delusione” intorno a questo “Changeling” o sul fatto che il film non fosse all'altezza di Mystic river e Million dollar baby, persino il Mereghetti ne ha parlato come di un'opera minore per il regista statunitense. Falso, falsissimo, un'incomprensione enorme. Changeling apre scenari devastanti e lo fa con un pudore secco, millimetrico che rivela una moralità di sguardo cristallina e mai consolatoria.
La storia, basata su fatti realmente accaduti negli US.A. nel 1928, racconta di una donna (Christine Collins) a cui scompare il figlio Walter rapito da un maniaco pedofilo infanticida, non si rassegna alla triste sorte cui la polizia l'ha costretta e tenta in ogni modo di vincere la sua battaglia contro l'ingiustizia, contro il sopruso del potere, trovando in un predicatore radiofonico un insperato aiuto.
Eastwood dimostra una padronanza assoluta del mezzo cinematografico e non arretra davanti a nulla, mostra in maniera sapiente anche la sequenza dell'esecuzione con il condannato al cappio: come in tutti i capolavori di Eastwood (dal radicale Gli spietati, fino a Mystic river e Million dollar baby) non c'è perdono, non ci sono innocenti e non c'è giustizia. Davanti alla tragedia vissuta da Christine Collins la macchina da presa non lascia mai il territorio emotivo della sconfitta morale a cui assiste inerme un intero paese.
La discesa agli inferi di Christine Collins è resa ancora più agghiacciante dalla volontà da parte di Eastwood di lasciare penetrare l'ambiguità in una messa in scena che appare del tutto compromessa da uno stile perennemente furioso, come fosse incantato dal fuoco del dolore e della cocente responsabilità di cui i valori americani sono intessuti. Allora sarebbe più corretto parlare di uno sguardo “sadiano” in quanto la violenza cui Changeling tende serve ad una rappresentazione dell'inabissamento alla radice di quella fibra intrinseca che è il male. Giona A. Nazzaro su Film Tv ha citato il “Non uccidere” dal Decalogo di Kieslowski. E' possibile che Eastwood abbia toccato corde molto più profonde di quello che può apparire a prima vista.
Vostro, Michele_2046

Se volete contattare l'esperto cinefilo che contribuisce a Perugiacity potete farlo girovagando nelle sale perugine d'essai o partecipando ad eventi legati alla settima arte. Aggiungete liberamente i vostri commenti e segnalazioni.